homeenglish

struttura

Nelle pagine della DIDATTICA trovate le info sul piano di studi, sui docenti che svolgono le varie attività e sulle date d'esame.  
Qui di seguito una breve descrizione del percorso formativo.
Per saperne di più, potete leggere o scaricare la Guida dello studente 2016-2017 (file pdf).

 

 

In breve/cosa-come si studia

 

I tre anni del corso di studi si fondano sull'alternanza di periodi prevalentemente dedicati alle attività pratiche con periodi dedicati soprattutto alla acquisizione di conoscenze di base o proprie dei campi disciplinari coinvolti, secondo una impostazione che attribuisce un forte valore all'apprendimento-in-pratica. 

Vengono dunque costruite numerose occasioni di contatto diretto dello studente con le pratiche proprie dei "mestieri" nei quali oggi si articola l'attività di un pianificatore e spesso gli insegnamenti a più forte contenuto teorico sono agganciati in modo vario alla pratica. 

Per laurearsi lo studente deve raggiungere i 180 crediti, sostenendo gli esami (ogni esame vale un certo numero di crediti) e le prove relative ad altre attività che completano la formazione (inglese, stage e attività a scelta). 
QUI si può leggere e scaricare lo schema del piano di studi in vigore. 

 

I ANNO   Lo studente è accolto con un corso introduttivo che mira a presentare il campo di studi e la produzione più aggiornata nel campo delle trasformazioni urbane. Successivamente, è accompagnato nelle attività di un primo laboratorio, dedicato a una situazione urbana reale da osservare-studiare sul campo.
Il secondo semestre  è dedicato all'apprendimento di linguaggi di base (matematica, informatica, rappresentazione) e allo studio dell'urbanistica nei suoi aspetti teorici e storici.

II ANNO   La sequenza è di tipo tradizionale: si parte dai corsi dedicati ai saperi necessari per analizzare e interpretare lo stato di uno spazio fisico e della società che vi è insediata mentre nel secondo semestre si passa alle attività di laboratorio, dedicate ora alla descrizione tecnicamente pertinente di un contesto urbano in una logica di pianificazione.

III ANNO   Si comincia con il laboratorio finale, dedicato ad un lavoro di tipo progettuale. I corsi di tipo teorico dell'anno si riferiscono invece ai temi di fondo delle politiche urbane e territoriali, ai problemi dell'ambiente e del paesaggio e agli aspetti valutativi. Vengono quindi introdotte conoscenze di sfondo e metodi o tecniche specifici, utili per la pratica professionale. Il percorso si conclude il periodo di stage,  svolto tendenzialmente presso enti locali e agenzie ad hoc.  
Il lavoro svolto nel Laboratorio e quello relativo allo stage possono essere agganciati alla prova finale che serve per laurearsi. 

 

GLI ESAMI

L'accertamento che lo studente abbia acquisito le conoscenze e/o le competenze e le abilità previste avviene secondo modalità diverse in relazione ai diversi tipi di attività.  In particolare:

  • per corsi monodisciplinari o integrati (due o più moduli) è previsto un esame finale unico con voto, per lo più consistente in un colloquio, eventualmente preceduto da prove intermedie o esercitazioni pratiche relative ai singoli moduli
  • per i laboratori, che prevedono l'acquisizione contemporanea e integrata di conoscenze teoriche e abilità pratiche,  è prevista una prova finale unica organizzata intorno al prodotto elaborato lungo l'arco dell'intero laboratorio. 
    Anche in questo caso, i docenti dei singoli moduli possono utilizzare prove intermedie che contribuiscono alla formazione del giudizio e del voto finali.
    Gli studenti, in questo caso, hanno anche l'obbligo di frequentare almeno per il 70% delle ore in aula previste.
     
  • per le attività a scelta, i crediti sono attribuiti in modi diversi, in rapporto al tipo di attività.  In generale, i crediti legati alle "altre attività" (corsi introduttivi, lingua, attività a scelta dello studente, stage) non si acquisiscono con esame e voto in trentesimi ma con attestati e/o  giudizio di idoneità da parte dei responsabili delle attività.

 

LA PROVA FINALE   Per laurearsi, lo studente dovrà elaborare, con la guida di un docente, un prodotto (testo scritto o simulazione di elaborati di tipo tecnico) che dia conto delle attività svolte nei tre anni e  approfondisca uno o più aspetti di una tematica a sua scelta. 

 

I CREDITI A SCELTA  Al secondo e al terzo anno, lo studente deve completare il piano di studi con delle attività a sua scelta. I corsi di studio del DiARC organizzano numerose attività per "accumulare" i crediti liberi:  seminari, workshop, viaggi di studio, piccoli corsi  (in questa pagina potete vedere le attività offerte nell'anno in corso), ma sono utilizzabili anche iniziative esterne che vengano ritenute pertinenti e documentate dai docenti del corso di studi.  

 


 

 

 

Webstaff | Regolamento | Mappa del Sito | © DiARC Dipartimento di Architettura via Toledo, 402 - 80134 Napoli ITALY | fax +39 081 2538717 | P.IVA 00876220633